Blog

polyplastics

Prodotti chimici per la cura dell'automobile, poliplasti (termoplastici, duroplasti)

Cura delle auto chimiche

Protezione dei pneumatici per auto

Quando si utilizzano o si ripongono pneumatici per un lungo periododiventa fragile, duro e perde elasticità. Questo processo è lento,dura diversi anni.

La condizione degli pneumatici per auto dipende principalmente daeffetti di ossigeno, ozono e radiazioni ultraviolette. Caloreaccelera le reazioni di distruzione dei pneumatici.

In uno stato di tensione, il pneumatico invecchia più velocemente, questo significa esattamentecon un uso regolare. I più grandi nemici della gomma sono il rame,cobalto e manganese. E la più piccola quantità di questi metalli in brevevolta che attaccano e distruggono il pneumatico.

Proteggiamo le gomme dall'olio (l'olio le dissolve), il mondo del solelesioni e calore. La conservazione dei pneumatici fuori uso richiede freddo eambienti umidi e, preferibilmente, rivestire le superfici in gommaconservanti chimici.

Per la cura dei pneumatici, è bene rivestire le superfici in gommaMiscela al 50% di glicerina e acqua, due o tre volte.

Antigelo

Il glicole etilenico è un liquido sciropposo incolore,inodore. Il punto di ebollizione è di 197,2 ° C. (60% acquosola soluzione di glicole etilenico viene congelata a -40 ° C.)

Una miscela per il frigorifero, per varie temperature possiamofare, mescolando acqua con glicole etilenico come seguerelazioni:

10% di glicole etilenico e 90% di acqua, utilizzato fino a -4 ° C,

20% „80%„ „„ „-9°S,

30% „70%„ „„ „-15 ° C,

40% „60%„ „„ „-24°S,

50% „50%„ „„ „-Z6°C.

 

Per prevenire la corrosione, mettiamo ogni litro di miscela3-7 grammi di benzoato di sodio. Il glicole etilenico è velenoso!

Acqua addolcente per il frigorifero

È preferibile utilizzare acqua piovana o acqua distillata.Addolciamo acque di media durezza con 5 g di grassello di calce e 10grammi di soda per 10 litri di acqua. Dopo aver resistito per pochiore il sedimento separato è sedimentato, quindi possiamo facilmenteacqua pulita odlltl. Mettiamo l'acqua pulita separata nell'altraciotola, e solo allora versare in frigorifero.

Decalcificazione

Se notiamo un accumulo di calcare nel frigorifero,mettiamo una soluzione calda di fosfato trisodico (Na3COME DA4), qualedissolverà il calcare separato.

Mettiamo 6 g di fosfato trisodico per 100 litri di acqua,riscaldando la soluzione a 80-90 ° C, lavare per 3-4ore in frigorifero, facendo circolare l'acqua in frigoriferosistema, quindi scaricare la soluzione e lavare il frigorifero pulitoacqua. Se necessario, ripetiamo questa procedurapiù volte, fino a completa dissoluzione del calcare.

Disappannamento

L'esperienza ci ha dimostrato che le superfici in metallo e vetroi binari si sfocano facilmente se uno dei loro lati è su quello inferioretemperatura. Dall'altro lato più caldo è facilecondensa il vapore acqueo. Ecco alcune ricetteper disappannare queste superfici:

1. 100 g di acqua,
30 g di glicerina,
3 g albume d'uovo,
0,5 g di benzoato di sodio.
 
2. 79 parti di acqua,
20 parti di glicerina,
1 parte di albumina,
0,1 parti di fenolo.
 
3. 5 parti di olio di silicone,
35 tricloroetilene,
sciolto in 60 parti di benzina.
 
Polyplastics
(plastica)
 
Sebbene i membri più giovani di una grande famiglia di prodotti chimici,che vengono utilizzati in casa, tuttavia, sono già stati messi fuori usohanno bisogno di molti materiali classici.
 
La loro classificazione è fatta meglio secondo naatto di trattamento termico. Vale a dire, alcuni si ammorbidiscono riscaldando,mentre altri si solidificano riscaldandosi. I primi si chiamano termomaterie plastiche, altri termoindurenti. E spesso sono possibili termoindurentiuna volta riscaldato allo stato semiliquido, (negli stampiricevere la forma desiderata), ma l'ulteriore effetto del calore è irreversibileli traduce in uno stato solido. Non riscaldarli piùpossiamo ammorbidirci.
 
I materiali termoplastici, si ammorbidiscono riscaldando - diventano plastica -possono essere stampati e induriti mediante raffreddamento.Riscaldando, si ammorbidiscono di nuovo e possono ammorbidirsi di nuovodare forma. Questo rimodellamento può essere ripetutoInnumerevoli volte.
 
Termoplastiche
 
Polietilene
 
Il polietilene è un polimero dell'etilene. Traspirante, plasticauna sostanza che, al tatto, appare grassa. Non è velenoin poi, resiste ottimamente all'azione dei prodotti chimici. È scrittoa circa 105-110 ° C. Non è adatto a temperatura ambientesolvente o adesivo. Utilizzo caratteristico: elettromateriali isolanti, contenitori infrangibili, tubi, fogli. Nonpuò essere lavorato con utensili da taglio.
 
Polipropilene
 
Il polimero è propilene. È simile al polietilene, ma è più fragilee fonde a circa 180 ° C. Non adatto per la fusione a mano, a causa dialte densità di massa fusa. Non è velenoso, è resistentesecondo l'azione della sostanza chimica. Non è a temperatura ambientesolubile e non può essere incollato.
 
L'uso del polipropilene è simile al polietilene, ma perchéun punto di fusione più alto e una resistenza alla trazione più elevata possono essere raggiunticambiamento in un'area più ampia. Quindi con piatti e utensili chesono sterilizzati, tubi in pressione, pale di ventilatori ed elichebarche a motore, scatole infrangibili, giocattoli, ecc. Tutti questigli articoli sono realizzati in polipropilene. Per la lavorazione dalla strisciala segatura è meno adatta.
 
polipropilene
 
Polimetil acrilato
(Vetro plexi)
 
Il plexiglas è un polimero di metilestere dell'acido acrilico.È chiaro, raramente colorato, leggermente meno del polistirolomateria fragile. A 90 ° C inizia l'ammorbidimento ea 140-150 ° C possono essere lavorati plasticamente. Non è velenoso, in parteè resistente agli acidi e alle basi. È il miglior solventecloroformio e, allo stesso tempo, colla. Trasmette straordinariamente la luceraggi. Viene sul mercato sotto forma di piastre, tubi, aste. Commercialeil nome del plexiglass, prodotto a Galenica Zemun, èchiaro. È ben lavorato con utensili da taglio. Dopo la termicaelaborato, raffreddato, tiene bene la forma ricevuta. Ancorariscaldando ritorna alla sua forma originale. È molto convenienteper la padronanza nelle famiglie.
 
Polistirolo
 
Il polistirene è un polimero vinilbenzene. Incolore, trasparenteo arioso. L'ammorbidimento inizia a circa 80 ° C e tempela temperatura di lavorazione è di circa 120-140 ° C, ea 200 ° è già razara.
 
Non è velenoso, gli acidi e gli alcali lo dissolvono. Najil miglior solvente o colla è il benzene. Conosciuta da tempoe polyplast utilizzati. Fragilità relativa, fragilità,limita l'area di usabilità altrimenti molto ampia. Scatole,piatti, giocattoli, bottoni, poi pettini, manici, batteriaScatole, pellicole e prodotti simili sono realizzati in polistirolo.Proprietà elettriche, resistenza dielettrica piccolo dielettricole perdite ne fanno un ottimo materiale nell'ingegneria elettrica. Benla soluzione di polistirolo cenere è un ottimo adesivo per carta, ottimoimpregna ed è impermeabile. Non consigliato perlavorazione con asportazione di trucioli.
 
Poliammide (nylon)
 
Secondo la sua composizione chimica, è un prodotto di condensazioneacidi dicarbossilici e diammine. È simile nella struttura aproteine native. È molto resistente, giallastro, trasparente.Il suo punto di fusione è di circa 140 ° C. Non velenoso, frescosciolto ha un sapore amaro dovuto ai prodotti di decomposizione. Di menoè resistente ai prodotti chimici. Non è adattosolvente, è incollato con acido formico, cioè acido acetico.
 
È più comunemente usato per produrre fibre. Spruzzandoe premendo si realizzano anche vari oggetti. Poliammidenon le masse sono ben lavorate rimuovendo la segatura, soprattuttonella produzione di ingranaggi e alberi silenziosi.
 
Cloruro di polivinile (PVC, mipolam)
 
Per composizione chimica, è un polimero di cloruro di vinile. Difficile,materiale resinoso incolore. Quando viene utilizzato, si mescola conquantità minore-maggiore di ammorbidente (dibutilftalato, dioctil-ftalato). A seconda della quantità di ammorbidente che otteniamoPVC duro (Vinidur) o prodotto elastico ammorbiditolam). Ottima resistenza all'azione dei prodotti chimici. Non hasolvente adatto, solventi clorurati (tetracloruro di carbonio,cloroformio, dicloroetano, cicloesanone) lo dissolvono lentamente.Per l'incollaggio è disponibile uno speciale adesivo in PVC. RELAAderisce male a una miscela 1: 1 di dicloroetano e cicloesanone.
 
È usato per: tubi (è ben lavorato con rimozionesegatura, diventa flessibile quando riscaldato) per l'impianto idraulico,liquami, ecc., nella fabbricazione di contenitori per acidi e prodotti chimici.Il PVC ammorbidito viene utilizzato principalmente per realizzare fogli(impermeabili, imballaggi, borse). L'incollaggio del PVC è il più comuneeseguito mediante saldatura con aria calda. PVC ammorbiditole lamine vengono incollate combinando saldatura e incollaggio.
 
Politetrafluoroetilene (teflon)
 
La composizione chimica è un polimero di tetrafluoroetilene.Soda, leggermente elastica, incolore, ariosa in uno strato sottile.I blocchi più grandi sono di colore bianco latte. Proprietà dielettriche irraggiungibilicosì come eccezionali proprietà di temperatura, completamente insolubileQuesto materiale lo rende insostituibile in alcuni punti. Però,il prezzo di costo lo rende difficile da permettersi. IndustrialeLa lavorazione del teflon è piuttosto difficile e la lavorazione domestica è ancora difficilepeso. Nessun solvente. Può essere incollato solo con specialiadesivi con successo molto modesto. Può essere utilizzataa 350 ° C, ammorbidisce a circa 400-450 ° C.
 
Acetato di cellulosa
 
È fatto di cellulosa naturale (cotone idrofilo) con formaggioacidi nocivi. Ha una molecola complicata, variabilecomposizione.
 
Materiale robusto e resistente, non resistente a un po 'più altotemperature. L'ammorbidimento inizia a 60 ° C, si dissolvea 100–110 ° C. È trasparente, ma la permeabilità non viene raggiuntapermeabilità del polistirolo. L'uso è simile al polistirolo, magli oggetti in acetato di cellulosa sono più difficili da rompere. Non può esseredipingere con la stessa efficacia del polistirolo. Non è infiammabile, quindi viene utilizzatoper la produzione di film. I solventi sono (a secondametodi di produzione) acetone, (cloroformio, dicloroetilene). Belloil versamento viene eseguito con successo con una soluzione concentrata di formaggioacidi nocivi. È possibile il trattamento termico e il trattamento conrimuovendo la segatura.
 
Nitro cellulosa (celluloide)
 
È costituito da cellulosa naturale, per azione dell'azotoseline. È composto da non univoci, complicatimolecola.
 
Un cotone idrofilo simile, una sostanza esplosiva altamente infiammabile.Si dissolve bene in acetone. Soluzioni, con l'aggiunta di ogli ammorbidenti (dietilftalato, dibutilftalato) sono ben notivernici (nitrolacquer, zapponlak, kolodijumlak, dukolak).
 
Nitrocellulosa, mescolata con canfora (10-30%), comeammorbidente, è noto come: celluloide. Questola sostanza è una delle prime poliplastiche, con ottime proprietàma (resistente agli urti, trasparente, economico, esteticamente gradevole),spremuto dall'uso quotidiano solo a causa del grande zapvivibilità. Quando lavori, lavori, dovresti agire con molta attenzione.La lavorazione viene eseguita principalmente da pezzi di lastra mediante taglio,incollando, piegando. L'acetone viene utilizzato per l'incollaggio.
 
Duroplasti
(Poliplastiche termostabili)
 
I polyplast di questo gruppo sono stati trovati i primi. Prila produzione e l'uso di queste sostanze sono caratterizzati da due faze: viene prodotto il primo materiale termoplastico (ammorbidendoa), quindi la massa viene miscelata con "riempitivi" e così ottenutala sostanza è una materia prima per la produzione di vari articoli.
 
Durante l'ulteriore lavorazione, il materiale viene pressato mediante stampaggio a iniezionele forme; il polyplast termoindurente si riscalda di piùnon può essere lavorato, né è solubile in solventi.
 
Fenoplasto (bachelite)
 
Il materiale ha un pronunciato odore di bachelite e dovuto allo zatvernici bollite di materie prime di base non possono essere prodotte primabersagli con colori più aperti. Fino a 170 ° C resiste all'azionetemperatura, quindi perde la sua forza. A circa 400 ° Csi disintegra, carbonizzato.
 
A seconda del tipo di "riempitivo", la bachelite è fragile, dura ofragile. Viene utilizzato principalmente per scopi tecnici: prese,connettori, maniglie, isolatori, scatole, ecc. Non adatto perstoccaggio di prodotti alimentari. Per la lavorazione domesticasono i semilavorati più indicati, lastre stratificate, tubi e tondini.Aderisce molto bene con le resine epossidiche.
 
Aminoplasti (doramina, nikeplast)
 
È fatto di formaldeide e urea. Prodottoè incolore, inodore, non tossico. È adatto anche per alloggioprodotti alimentari. Questo fatto, così come quello, può essereusato a colori aperti, gli conferisce un grande vantaggio.Altrimenti, il suo utilizzo è simile alle resine di bachelite. Metài prodotti per la casa si accendono raramentemercato.
 
Resine poliestere (elastirolo, polycon)
 
Sono prodotti dalla condensazione di acidi bicarbossilici ee alcoli diidrossilici. Delle materie prime, unadeve contenere un doppio legame. La resina risultante si dissolve inun po 'di monomero. Questa massa, simile al miele, per azionecatalizzatori aggiunti ea seconda del tipo e della quantità di questicatalizzatore, prima o poi, a temperatura ambiente oindurisce a temperature elevate. Prima dell'indurimentopuò essere verniciato in vari colori. Ideale, ma difficileprocura. Adatto per la produzione di piccoli lotti o mangimearticoli di base.
 
Durante la fusione, versare semplicemente la massa nello stampo, senzala pressatura riempie uno stampo che può essere fatto di gesso,legno, cera, plastilina, ecc. Devi solo aspettare fino alla messaindurito e il pezzo finito può essere rimosso dallo stampo.
 
Secondo un'altra procedura, tessuto di vetro o tessutoviene alimentato con resina, messo su uno stampo o stampo. Ecco com'èprodurre barche, carrozzerie, caschi di sicurezza, ecc.
 
Oggetti preziosi, come reperti archeologici,dispositivi subacquei, ecc. può essere molto resina trasparenteproteggere con successo. La resina dura è molto adatta per la lavorazionecon la rimozione dei trucioli, aderisce bene al proprio monomisurata, perfettamente lucidata. È molto resistente all'azioneatmosfera ed è un ottimo isolante elettrico.
 
Resine epossidiche (eporesite, araldite)
 
A seconda della struttura chimica, sono possibili resine epossidicheessere classificato come poliestere. Quindi è il loro uso nella maggior parte dei casicasi, corrisponde all'uso del poliestere. È prodotto daprodotti da liquidi a solidi, di varie densità. Liquidoi prodotti sono lavorati meglio, mentre quelli solidi sono leggermente miglioriproprietà. A seconda del catalizzatore di reticolazione, il tempol'indurimento della resina può essere trovato in un molto ampiofrontiere. Se è possibile dire, è materiale ancora migliore perlavorazione del poliestere. Purtroppo è anche abbastanza difficileprocurare.
 
Oltre a colare resine, tra le resine epossidiche possonoper trovare ottimi colle. Questi adesivi possono essere utilizzati per l'incollaggiomateriali insoliti, come: metallo-metallo,metallo-vetro, vetro-vetro.




Hai una domanda? Fare clic su un mi piace o scrivere un commento